Ecco (poesia d'amore)

Cagliari, 20/21 marzo 2012


Ecco (riprendo spazi d'amore)




ecco, 
riprendo spazi d'amore
e canto

pietre lisce abbastanza e dure
per sfregare i panni di mio vivere
fino a pulirli, e bianchi al tuo vivere;

fili lunghi abbastanza 
per stendere i miei panni di cuore ad asciugarsi al tuo sole;

cocci roventi d'amore
da gonfiare cavità di ferro del caldo
utile a stirare le pieghe dei miei vivere e farmi 
rovente morbido
agli sguardi del tuo fuoco

e canto 
l'assenza dei tuoi gesti di furia
in questo mondo assenza
dove il vuoto si riempie di ciechi cieli
e di troppi rottami di terre

e ti farò voti, ancora
di un canto altro
ad ogni giorno
alla vita
al tuo ardire di amarmi

me, 
piccolo ostinato cieco capro
smarrito al tuo gioco 

e felice 
adesso
dentro i tuoi denti 
affilati così
di silenzio ...



Gioia in Gesù Risorto

ciao
r







Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

Il perdono è di D**...