27 novembre 2011, prima domenica di avvento anno liturgico 2011-2012

"In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: 
«Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento. È come un uomo, che è partito dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vegliare. 
Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino; fate in modo che, giungendo all’improvviso, non vi trovi addormentati. 
Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!»."  (Mc 13,33-37) 












«Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!».




Mio Re, dolcissimo Amico, qui finisce questa nostra strada insieme, fatta pubblicamente, in questo anno liturgico che è appena terminato. 
Mi hai insegnato molte cose e qualcuna, almeno, spero di riuscire a farla diventare carne e sangue della mia vita. 
Affido a te tutto quello che sono e, mio Re Amico, cercherò di vegliare sempre e di essere sempre con la lampada accesa fino a che tu torni o fino a che, finalmente, tu mi chiami a te perché venga portato al giudizio davanti a Dio, Padre e Santo. 
Il giudizio d'amore su come ho investito i molti talenti che mi hai dato.
Continueremo, Gesù Re; continueremo ancore questo luogo del tuo amore, in qualche modo ed in altre forme, ma questo cammino liturgico lo chiudi adesso ed ora, con la raccomandazione urgente di restare svegli e accoglienti al tuo amore che sta tornando.
Sì, Signore Gesù, torna, torna presto.


(«Sì, vengo presto!». Amen)


ciao

Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

L'amore è il regno dei cieli...

Il perdono è di D**...