Le umili e le miti sono ...

D** in tutta la sua Potenza



Lc 1,46-55
«Il Signore [...] ha guardato l’umiltà della sua serva».
 

 
«L’anima mia magnifica il Signore
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l’umiltà della sua serva.
D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente
e Santo è il suo nome;
di generazione in generazione la sua misericordia
per quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio,
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
ha rovesciato i potenti dai troni,
ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati,
ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele, suo servo,
ricordandosi della sua misericordia,
come aveva detto ai nostri padri,
per Abramo e la sua discendenza, per sempre».
 

Il presente è male, Gesù, e solo la tua vita, Parola di D**, lo sovverte e ne abbatte le regole perfide, ne ribalta i tavoli luridi di sangue iniquo umano e animale, tavoli pesanti per le ipocrisie che riusciamo a inventarci.
 
 
Ma la Parola di D** agisce solo attraverso i cuori umili, i cuori miti d'amore.
Solo nella vittoria dei cuori umili e miti
vedremo i ricchi desolati dalle loro mani prive di ricchezza,
vedremo i superbi flagellati dall'idiozia dei loro pensieri,
vedremo i potenti rovesciati dai quei troni di morti e feriti,
vedremo le umili e le affamate, che si sono tolte l'ultimo pane di bocca per darlo a qualche altro vivente, vivere belle e felici della libertà e dell'amore che è D**
e vedremo tutto questo qui,
tra noi e ora,
se non ti tratteniamo più dal tuo ritorno
con le nostre azioni di superbia
e invece restiamo umili
a glorificare D** Altissimo Amore,
perché il suo Eterno si riconosce
soltanto
nella fragilità e nella leggerezza chi è umile e mite.
Come Maria di Nazareth la ragazza,
tua madre.


ciao r

Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

La parola e l'amore...