10 novembre 2011, san Leone Magno

"In quel tempo, i farisei domandarono a Gesù: «Quando verrà il regno di Dio?». Egli rispose loro: «Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: “Eccolo qui”, oppure: “Eccolo là”. Perché, ecco, il regno di Dio è in mezzo a voi!».
Disse poi ai discepoli: «Verranno giorni in cui desidererete vedere anche uno solo dei giorni del Figlio dell’uomo, ma non lo vedrete. Vi diranno: “Eccolo là”, oppure: “Eccolo qui”; non andateci, non seguiteli. Perché come la folgore, guizzando, brilla da un capo all’altro del cielo, così sarà il Figlio dell’uomo nel suo giorno. Ma prima è necessario che egli soffra molto e venga rifiutato da questa generazione»." (Lc 17,20-25) 




















«Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: “Eccolo qui”, oppure: “Eccolo là”. Perché, ecco, il regno di Dio è in mezzo a voi!».




Mio Re. Sei tu il Regno di Dio e tu sei in mezzo a noi.
A noi spetta farti crescere, ovunque ed in tutti i cuori.
A noi spetta testimoniare che solo con te c'è la felicità e la contentezza del cuore. Spetta testimoniare solo a noi che la tua amicizia ed il tuo amore sono in noi, e ci sono nella mitezza, mansuetudine, docilità, pace che solo tu regali.
Ed a noi spetta regalarti, a chiunque ti desidera ed ha bisogno di te, e per qualsiasi ragione ti chiama e ti chiede, perché tu non sei nostra proprietà. 
Tu sei il Re, ed il Re di tutti.
Mio Re, facci diventare quel fulmine che tu dici sarà il Figlio dell'uomo quando tornerà. Un fulmine veloce come l'amore luminoso come il sole forte come la vita. 
Gesù, vivi tu dentro di noi e non far vivere più il nostro egoismo e le nostre cecità.
Signore Dio, Padre. 
Fai vincere dentro di noi e tra di noi il tuo Regno.




ciao
r

Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

Il perdono è di D**...