14 ottobre 2011, venerdì della XXVIII settimana del tempo ordinario

"In quel tempo, si erano radunate migliaia di persone, al punto che si calpestavano a vicenda, e Gesù cominciò a dire anzitutto ai suoi discepoli: 
«Guardatevi bene dal lievito dei farisei, che è l’ipocrisia. Non c’è nulla di nascosto che non sarà svelato, né di segreto che non sarà conosciuto. Quindi ciò che avrete detto nelle tenebre sarà udito in piena luce, e ciò che avrete detto all’orecchio nelle stanze più interne sarà annunciato dalle terrazze.
Dico a voi, amici miei: non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo e dopo questo non possono fare più nulla. Vi mostrerò invece di chi dovete aver paura: temete colui che, dopo aver ucciso, ha il potere di gettare nella Geènna. Sì, ve lo dico, temete costui. 
Cinque passeri non si vendono forse per due soldi? Eppure nemmeno uno di essi è dimenticato davanti a Dio. Anche i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate paura: valete più di molti passeri!»." (Lc 12,1-7)  
















«Non c’è nulla di nascosto che non sarà svelato, né di segreto che non sarà conosciuto. Quindi ciò che avrete detto nelle tenebre sarà udito in piena luce, e ciò che avrete detto all’orecchio nelle stanze più interne sarà annunciato dalle terrazze».






Mio bel Gesù, tu sei venuto nella verità, per annunciare la Verità, ed hai parlato sempre davanti a tutti e davanti a tutti hai rivelato il mistero del mondo e della vita.
Dio è amore e nel suo amore infinito e assoluto Dio è attento a ciascuno di noi.
Neanche un cappello del mio capo si perderà se Dio non vuole. 
Tu, mio Amico, sei venuto per dirmi che sono importante per il Signore Dio, il Padre Madre da cui tutto proviene.
Tu, mio Sposo, sei venuto per annunciarmi che l'Amore Dio mi vuole per sé e che lui non perde ciò che ama.
Tu, mio Re, sei venuto per farci sapere e per farci vedere nel tuo stesso corpo che la morte ed il male sono stati sconfitti e ti dobbiamo soltanto seguire per essere anche noi la tua vita.
Ti dobbiamo seguire rinunciando alla morte ed al peccato per scegliere la vita e l'amore.
Così, insieme a te, potremo annunciare dalle terrazze la tua bellissima notizia: che non ci sono più segreti, che tutto è davanti a tutti e tutto è per il bene, che la stessa felicità di Dio è qui, per ciascuno di noi. 
Infatti Dio è solo amore e ci ama, uno ad una, personalmente, con amore appassionato.
L'amore che cambia e fa nascere di nuovo, vivi nell'amore Dio.




Ciao
r





Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

La parola e l'amore...