23 settembre 2011, san Pio da Pietralcina

"Un giorno Gesù si trovava in un luogo solitario a pregare. I discepoli erano con lui ed egli pose loro questa domanda: «Le folle, chi dicono che io sia?». Essi risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa; altri uno degli antichi profeti che è risorto». 
Allora domandò loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro rispose: «Il Cristo di Dio».
Egli ordinò loro severamente di non riferirlo ad alcuno. «Il Figlio dell’uomo – disse – deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e risorgere il terzo giorno»." 


















«Ma voi, chi dite che io sia?».




Oh, Gesù, Amico mio.
Tu sei il Re, il Signore e Dio, il Figlio del Padre Santo, generato da Dio Amore prima di qualsiasi secolo, prima di ogni tempo, prima di ogni creatura. Amore da Amore, Luce da Luce, Libertà da Libertà, Cura da Cura, Sollecitudine da Sollecitudine. Dio da Dio.
Tu sei l'Amico che ci porta dal nostro Amante supremo, quel Dio inimmaginabile ed inconoscibile che si è fatto conoscere attraverso di te, mio Gesù, e si è fatto in te Dio svuotato di Dio, Dio riempito di morte e di male. Dio che ci libera dal male e dalla morte fermandole nel suo corpo e scaraventandole tutt'e due su dentro di Sè, nei suoi abissi d'amore; Dio Amante che ci porta a Dio Amante attraverso un sacrificio d'amore perfetto e santo.
Tu sei l'Amore che si è voluto fare carne e corpo, affinché ogni corpo ed ogni carne diventasse portatrice d'amore, terra sterile resa fertile dal tuo sacrificio di Cristo e fecondata da te, Amore Dio; carne e corpi trasformati in affamato desiderio dell'amore Dio per diventare fonte di desiderio e di soddisfazione del tuo amore.


Questo è il tuo amore per noi, piccola ed immensa parte del tuo amore per noi, quella che noi vediamo e conosciamo di tutto l'immenso amore che sei, Gesù Figlio, mio Signore e mio Dio. 
Ma, tu lo vedi, Gesù, siamo ancora immersi in una vita ancora piena di idoli stolti.
Aiutaci a liberarcene per essere amore insieme a te.
Amore libero, che prende per mano, che ama.

Amore dono, amore nato per tuo dono, amore e perdono.




ciao
r

Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

Il perdono è di D**...