08 luglio 2011, venerdì della XIV settimana del tempo ordinario

"In quel tempo, disse Gesù ai suoi apostoli:
«Ecco: io vi mando come pecore in mezzo a lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe.
Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete condotti davanti a governatori e re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani. Ma, quando vi consegneranno, non preoccupatevi di come o di che cosa direte, perché vi sarà dato in quell’ora ciò che dovrete dire: infatti non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi.
Il fratello farà morire il fratello e il padre il figlio, e i figli si alzeranno ad accusare i genitori e li uccideranno. Sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato.
Quando sarete perseguitati in una città, fuggite in un’altra; in verità io vi dico: non avrete finito di percorrere le città d’Israele, prima che venga il Figlio dell’uomo»."












«Ma chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato».



Ecco, Gesù mio, Re Sposo.
Non è che sei rassicurante quando ci dici queste cose.
Tu sei sempre con noi, è vero, e noi siamo con te, pure questo è vero; ed anche se qualche volta ti addormenti (ma perché scegli sempre quando c'è qualche tempesta per addormentarti, mio Re?) se pure ti assopisci sei sempre con noi e nessuna tempesta ci vincerà mai.
Ma tu lo sai, mio Signore e Re, è duro sapere che ci odieranno a causa del tuo nome. Che ci odieranno come hanno odiato te.
Gesù mio, Sposo ed Amico, non è che abbiamo capito tutto e la Chiesa, il tuo Santo Corpo qui tra noi, vivente nella storia, la Chiesa ci aiuta; ma talvolta ci lascia da parte e non manda mezzi di soccorso alle nostre barchette in difficoltà. Capita pure che è la Chiesa stessa, quando diventa "troppo umana", che scatena contro qualche sua barchetta, qualche suo passeggero o una sua marinaia, una tempesta violenta.
Ma siamo sempre qui nel tuo amore e cerchiamo di perseverare nel tuo Nome e nella tua Parola regalando il tuo amore a coloro che ne hanno bisogno.
Signore Gesù.
Facci fiorire come bellezza, soprattutto qui, nei deserti di gioia di queste nostre città.


ciao
r

Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

La parola e l'amore...