9 giugno 2011, giovedì della 7° settimana di Pasqua

"In quel tempo, [Gesù, alzàti gli occhi al cielo, pregò dicendo:]
«Non prego solo per questi, ma anche per quelli che crederanno in me mediante la loro parola: perché tutti siano una sola cosa; come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch’essi in noi, perché il mondo creda che tu mi hai mandato.
E la gloria che tu hai dato a me, io l’ho data a loro, perché siano una sola cosa come noi siamo una sola cosa. Io in loro e tu in me, perché siano perfetti nell’unità e il mondo conosca che tu mi hai mandato e che li hai amati come hai amato me.
Padre, voglio che quelli che mi hai dato siano anch’essi con me dove sono io, perché contemplino la mia gloria, quella che tu mi hai dato; poiché mi hai amato prima della creazione del mondo.
Padre giusto, il mondo non ti ha conosciuto, ma io ti ho conosciuto, e questi hanno conosciuto che tu mi hai mandato. E io ho fatto conoscere loro il tuo nome e lo farò conoscere, perché l’amore con il quale mi hai amato sia in essi e io in loro»." (Gv 17,20-26)










«Non prego solo per questi, ma anche per quelli che crederanno in me mediante la loro parola: perché tutti siano una sola cosa; come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch’essi in noi, perché il mondo creda che tu mi hai mandato».



Ecco, Gesù mio Re, siamo qui.
Quelli che credono in te "mediante la loro parola", attraverso la parola e la vita dei tuoi primi amici, di quel tuo "piccolo gregge" che tu hai scelto uno a uno ed a cui il Padre ha dato il mondo.
Ma non siamo ancora una sola cosa, perfetti nell'unità.
Forse perché abbiamo una idea confusa di che cos'è l'unità, l'essere una sola cosa mentre si è persone diverse. Unità nell'amore.
Forse perché ancora non ci amiamo come tu ci ami, con quel desiderio di portarci tutti davanti al Padre a contemplare la vostra gloria fino a farne parte, perché ne siamo la parte principale; quella Gloria quella che eravate prima che il mondo fosse creato dal vostro amore.
Signore Gesù, rendici amanti come tu sei amante con tuo Padre, nello Spirito Santo d'amore, rendici servi obbedienti come tu sei servo obbediente al Padre, nello Spirito Santo di servizio, rendici amici come tu sei amico al Padre, nello Spirito Santo di libertà.
Facci parte del vostro amore.



ciao
r

Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

Il perdono è di D**...