8 gennaio 2011, feria propria del giorno

"In quel tempo, sceso dalla barca, Gesù vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose. 
Essendosi ormai fatto tardi, gli si avvicinarono i suoi discepoli dicendo: «Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congedali, in modo che, andando per le campagne e i villaggi dei dintorni, possano comprarsi da mangiare». Ma egli rispose loro: «Voi stessi date loro da mangiare». Gli dissero: «Dobbiamo andare a comprare duecento denari di pane e dare loro da mangiare?». Ma egli disse loro: «Quanti pani avete? Andate a vedere». Si informarono e dissero: «Cinque, e due pesci».
E ordinò loro di farli sedere tutti, a gruppi, sull’erba verde. E sedettero, a gruppi di cento e di cinquanta. Prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li dava ai suoi discepoli perché li distribuissero a loro; e divise i due pesci fra tutti.
Tutti mangiarono a sazietà, e dei pezzi di pane portarono via dodici ceste piene e quanto restava dei pesci. Quelli che avevano mangiato i pani erano cinquemila uomini." (Mc.6,34-44)







«Voi stessi date loro da mangiare»

Signore Gesù, mio Re.
Dobbiamo noi stessi dare da mangiare, anche se abbiamo così poco.
Perché c'è sempre da mangiare insieme, se si divide con amore. E se si divide con amore anche tu fai parte di chi mangia, mentre fai parte anche del cibo.
Signore, Gesù mio, tardiamo a fidarci di di quello che ci dici, e raccogliamo a stento le sfide che ci proponi. 
Non ascoltiamo i tuoi desideri d'amore, non cerchiamo di soddisfarli subito.
«Voi stessi date loro da mangiare».
Ecco. 
In realtà è semplice. 
Basta farlo, dividendo noi stessi innanzitutto, poi la nostra vita, e basta farlo con chiunque abbia bisogno di noi.
Sappiamo che ci penserai tu a non far mancare l'essenziale.
Un raggio di luce che rimbalza da una finestra.
Un mare che ci accoglie ad un orizzonte che si fa incerto.
«Voi stessi date loro da mangiare»

ciao
r

Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

La parola e l'amore...