L'oasi di Damasco nel 2018 A. D. e D**


  Siria 2018 A. D.

 

Ho visto immagini di esplosioni.

Spade, gladi, coltelli, lame esplosioni scientifiche,

"deconflict",

sopra l’oasi di Damasco.


L’ho visto e ho sperato un cuore di ragazza,

Ho desiderato un cuore intatto,

come di ragazza a quindici anni,

ancora quasi bambina. Forse.


Ho visto foto colorate di incendi guerre

foto precise, coraggiose, belle, di morti,

e t’ho sentito ruggirmi dentro, feroce.

Tu, sento, tu

Potenza, Assoluto, Amore, sento

ruggire con furore dentro

a me, qui, immobile

con una penna stilografica, una tastiera, due mani

e il tuo grido altissimo nel petto,

solo nel petto, per fortuna,

solo a spezzarmi il cuore, quel cuore sperato

solo come di ragazza, ancora bambina. Forse.


Siria,

2018 A. D. l’oasi di Damasco è ancora bella,

torturata oggi dai demoni umani,

ma è quella che pensi dal tuo Inizio,

ancora in quell’Inizio viva come desideri.

E non è.  Oggi.


Siria,

spezzata di guerre tra demoni umani

infuriati di divisioni in tuo Nome

contro tante popolazioni diverse, uguali,

tutte sottomesse a te, a parole,

tutte armate contro te, a gesti e corpi.


Siria,

quel cuore di ragazza che spero è laggiù,

mi dici e gridi,

laggiù nell’oasi che il tuo Inizio sa bella,

quel cuore di ragazza è lì,

spezzato divorato dalle ferocie umane

delle nostre mani a spada e coltello.

Quel cuore di ragazza che oggi, stamani,

spera la morte per ritrovarsi intatto in te,

Amore Amante Madre, e lotta.


Non so se è questo il tuo grido,

questo ruggito che sento dentro

ma so un cuore di ragazza che non spera,

più, ma lotta, ancora,

lotta l’amore.





Commenti

Post popolari in questo blog

Essere fede..

Che ne è della nostra storia, in te...