La libertà è l'amore di D**


Certo Gesù, la libertà è tua e di coloro cui la regali per amore.



 

La libertà che nasce dall'amore non ha nemici e nessuno vede come nemico.
Non pensa che le cose decise contro di noi siano davvero contro di noi. Anzi. In qualche modo le usa e le fa proprie.
Se un villaggio ti rifiuta un altro ti accoglierà. Se qualcuno ci minaccia altri ci vedono come relazioni d'amore.
Ma forse, Gesù, la parte più importante del vangelo di oggi è nella sua conclusione.
Nel momento in cui raccomandi soltanto l'amore che nasce da seguirti e da fare nostra la tua vita.
Allora ascoltiamo.
 

 

 
Lc 9, 51-62
Mentre stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato elevato in alto, Gesù prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme e mandò messaggeri davanti a sé.
Questi si incamminarono ed entrarono in un villaggio di Samaritani per preparargli l’ingresso. Ma essi non vollero riceverlo, perché era chiaramente in cammino verso Gerusalemme. Quando videro ciò, i discepoli Giacomo e Giovanni dissero: «Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?». Si voltò e li rimproverò. E si misero in cammino verso un altro villaggio.
Mentre camminavano per la strada, un tale gli disse: «Ti seguirò dovunque tu vada». E Gesù gli rispose: «Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo». A un altro disse: «Seguimi». E costui rispose: «Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre». Gli replicò: «Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu invece va’ e annuncia il regno di Dio». Un altro disse: «Ti seguirò, Signore; prima però lascia che io mi congedi da quelli di casa mia». Ma Gesù gli rispose: «Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio».
”.

 La frase più dura: «Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu invece va’ e annuncia il regno di Dio».
Qui, Gesù, sembri mancare totalmente di amore. Eppure dici soltanto che chi è libero nell'amore non può attendere le prudenze e le esitazioni di chi è pieno di morti da seppellire. L'amore deve andare avanti per la sua strada e non può fermarsi a tutti i funerali del passato. Perché l'amore è urgente e c'è bisogno che venga fatto subito.
Perché il tuo amore libera e non abbiamo più bisogno di maledire nessuno e di augurare a nessuno mali e sfracelli.
Dobbiamo annunciare il regno di Dio e annunciarlo dove ci ascoltano e ci sembra possibile costruire questo regno.
Ma per farlo non dobbiamo mai volgerci indietro.
Lo dici meglio di Paolo di Tarso, che contrappone la “carne” allo “Spirito”. Tu non contrapponi, fai vedere che c'è la libertà e, quindi, il disinteresse rispetto alle cose della vita. Non importa se non abbiamo un cuscino dove poggiare il capo. Una pietra e una foglia andranno altrettanto bene e ci risparmieranno tempo e distrazioni.



Il nostro lavoro è fare l'amore e costruire l'amore nel mondo, senza separare e rifiutare, ma unificando in te tutti coloro che lo cercano. Perché, appunto, non abbiamo dove poggiare il capo e non sappiamo dove fare il nido.
Perché non è questo che conta, Quello che conta è l'amore che viene costruito senza chiudere niente all'amore, e senza rifiutare niente all'amore.
Allora sapremo guardare ai solchi che scaviamo in terra, sereni di quel che stiamo facendo, consapevoli che «Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio».
Così saremo capaci di vedere non solo la terra che stiamo arando, ma anche le spighe del grano che crescerà e il pane che ne ricaveremo, senza girarci indietro a guardare il passato, ma stretti fermi all'amore che da te ci arriva, per seminarlo e distribuirlo tra di noi.
Come ci è necessario, secondo il nostro bisogno.

Ciao r



Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

La parola e l'amore...