La mitezza, la tenerezza e il potere

Gesù, stavolta abbiamo mischiato qualche cosa.
Diversi punti del tuo vangelo di Marco per dirci una cosa soltanto.
Il tuo amore e la tua salvezza sono tenerezza e mitezza.
Nulla di violento e di minaccioso nel tuo amore: solo mitezza e dolcezza.
Perché tu sei accogliente e sei mite.




Mc 9,38-43.45.47-48

"Giovanni disse a Gesù: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva». Ma Gesù disse: «Non glielo impedite, perché non c’è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito possa parlare male di me: chi non è contro di noi è per noi.
Chiunque infatti vi darà da bere un bicchiere d’acqua nel mio nome perché siete di Cristo, in verità io vi dico, non perderà la sua ricompensa.
Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare. Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala: è meglio per te entrare nella vita con una mano sola, anziché con le due mani andare nella Geènna, nel fuoco inestinguibile. E se il tuo piede ti è motivo di scandalo, taglialo: è meglio per te entrare nella vita con un piede solo, anziché con i due piedi essere gettato nella Geènna. E se il tuo occhio ti è motivo di scandalo, gettalo via: è meglio per te entrare nel regno di Dio con un occhio solo, anziché con due occhi essere gettato nella Geènna, dove il loro verme non muore e il fuoco non si estingue».".





Che cosa è che fa scandalo? Cos'è che può scandalizzare "uno di questi piccoli"?
La risposta tradizionale, che la tua santa Chiesa ha trovato nei secoli facendosi scoprire e proteggere dalla tua Parola, la risposta di sempre è la sessualità. E con la sessualità la femmina dell'umano e, quindi, la donna.
C'è più di una ragione per questa "scelta" tradizionale, Gesù mio.
E qualcuna di queste "ragioni" credo andrebbe rivista con cura del dettaglio e quel "amore del tuo amore" che ha fatto scrivere i "Padri della Chiesa" e li ha orientati attorno alla tua "bella notizia".
Ma io sento un'altra pietra che ci fa scandalo.
Tu, Gesù mio, sei l'unica "pietra" che ci fa inciampare sulle nostre debolezze, sui nostri peccati, sulle nostre mani, piedi, occhi che ci "fanno scandalo", ci fanno inciampare su di te e ci impediscono di accogliere il tuo amore.
E questa pietra è il potere.




Il potere umano, il potere che si proclama buono, quello che interviene quando l'umano si trasforma in diavolo e diventa ingovernabile, quel potere che assume la "originaria" malvagità umana determinata dalla rivoltà contro l'Amore, contro D** Madre e Padre che ci ha dato la vita e ci vuole liberamente nel suo amore e nella sua tenerezza.




Questo è il link dove potete trovare Shekkinah n 13 ... un numero cui tengo molto e che segna qualcosa nella mia vita.

Shekkinah n. 13




Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

La parola e l'amore...