Il pane, il cibo e l'amore




Gesù, tu mi dici: "mangiami", ma non ti fai illusioni su quello che capiremo.
Infatti lo dici subito.
Solo chi ha D**, l'Infinito Bene, come docente che istruisce e prepara, solo questa persona può "mangiarti".
Ma come può essere mangiato D**, ciò è, il Bene Bello Attuale, la Presenza feconda?




Ascoltiamoti.

Gv 6,41-51
"I Giudei si misero a mormorare contro Gesù perché aveva detto: «Io sono il pane disceso dal cielo». E dicevano: «Costui non è forse Gesù, il figlio di Giuseppe? Di lui non conosciamo il padre e la madre? Come dunque può dire: “Sono disceso dal cielo”?».
Gesù rispose loro: «Non mormorate tra voi. Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Sta scritto nei profeti: “E tutti saranno istruiti da Dio”. Chiunque ha ascoltato il Padre e ha imparato da lui, viene a me. Non perché qualcuno abbia visto il Padre; solo colui che viene da Dio ha visto il Padre. In verità, in verità io vi dico: chi crede ha la vita eterna.
Io sono il pane della vita. I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia. 
Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo»."




Ma scusa, Gesù, come posso sapere, senza sbagliare e cadere immediatamente nel peccato di orgoglio, come so che è "Dio che mi ha istruito"?
Io vengo a te tremando, Gesù, per mangiarti, e ti mangio ogni giorno che posso, perché solo tu come cibo mi dai sostegno e vita. Solo tu, come amante che "si fa mangiare" da me, mi dai la forza di andare avanti ogni giorno.
Dubitando sempre senza dubitare mai.
Ma mi sembra di non capire.
Perchè D**, l'Eterno tutto e l'Immenso Presente, devono dare "la tua carne per la vita del mondo"?
Di che cosa ci parli? Come possiamo mangiarti?




Gesù perdonami, sono domande sciocche, fatte per perdere tempo.
La realtà semplice di quel che dici è semplice, chiara a ogni bambina.
Solo attraversandoti, e così facendoti diventare carne della mia carne e sangue del mio sangue, mio Sposo e mio amante, mia presenza vitale e mia realtà, solo così e soltanto attraverso di te possiamo "vedere D**", amarlo e lavorarci insieme all'amore.

Perché solo tu, Gesù, sei l'unico pane della vita.










ciao r

Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

Il perdono è di D**...