Vigilia del Natale di Gesù, nostro Signore e Sposo.

Buon Natale ---- La nascita di Gesù al mondo - (Buon Natale a tutte e tutti)




Gesù, anche tu sei nato al mondo, anche se sei parte intima di Dio.
E sei nato al mondo nel mistero della tua relazione con tua madre.
Gesù mio, tu sai tutto e sai come e in che modo hai stabilito la tua relazione con me. Sai anche quanto io sono sordo e cieco. Ma stanotte mi hai dato un suggerimento e io l'ho accolto. Ho provato ad accoglierlo, in questo testo che metto qui sotto.
Spero ti piaccia, ma - scusami e perdonami Amico mio - sotto sotto qualcosa del mio cuore mi dice, cantando sottovoce, che ti piace.
Ti amo.

ciao r




Cum òrtus fùerit sol de cælo,
vidébitis Régem régum procedentem a Patre,
tamquam spònsum de thalamo suo.

Betlehem civitas Dei summi, ex te exiet dominator Israel, 
et egressus eius sicut a principio dierum æternitatis, 
et magnificabitur in medio universae terrae, 
et pax erit in terra nostra dum venerit.





Tutto è pronto,
avete preparato tutto.
I panni, puliti e scaldati,
l'acqua, calda lì accanto,
il panno morbido su cui partorirlo
il letto per te e per lui,
là, vicino.
Giuseppe è stato bravo, esperto e attento,
tutto è pronto per te, tutto è accanto.
Ora,
ora lo senti,
s'affaccia e bussa al tuo uscio segreto,
sorridi,
sorridi al tuo Dio così lontano
così urgentemente vicino
- un maschio ti conosce -
...
... Giuseppe! vai! corri!
vai a Bethlem! corri Giuseppe!
serve l'ostetrica! ...
...
sorridete, tra te e Dio:
non arriveranno mai a tempo
finchè il tempo scorrerà tra i sorrisi di Dio.
T'accucci,
(partoriscono così anche le asine)
e agisci
mentre pensi a tua madre
a Elisabetta
alle loro parole
antiche e sagge.
Hai paura,
sei attenta concentrata,
sei tutta lì
in questo natale
così solo.
Una luce s'accende
leggerissima, quasi non la vedi
- la senti, audace, sulla tua pelle nuda -
e tutti gli universi mondi
tutto il tuo corpo cuore
si scioglie,
in quel vagito
... un grido? di Dio?
un gesto di Dio?
il primo respiro? di Dio? ...
Adesso sei rapida,
esperta,
tagli levi pulisci copri
poi stanca
ti metti a letto con Gesù.
Ti cerca il seno e l'allatti.
Anche Dio ha bisogno di una madre.
Sorridi, mentre v'addormentate
e Giuseppe arriva
e sa far silenzio
ma ti prende la mano
....
verranno
a cercarti
verranno all'alba
"è qui il bambino?"
svelti e perplessi,
adoranti
come sempre pastori e banditi
davanti al miracolo della vita
bella
giovane
nuova.
E ti faranno doni.




Vigilia del Natale di nostro Signore Gesù Cristo




A Gesù, Sposo e Re, che nasce stanotte in milioni di cuori credenti all'amore, anche se non - necessariamente - alla sua Chiesa.

ciao r




Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

La parola e l'amore...