Alla conclusione di questi tempi



Quando i nostri tempi finiranno, Gesù, e tu tornerai nella tua gloria amante cosa troverai sulla terra? che cosa vedrai nei cuori umani? quali amori ci distrarranno dall'unico amore che occorre seguire, dall'unico amore che si può amare? quello di Dio, la santità amante vivente.
Come abbiamo potuto e possiamo insegnare quello che tu hai prescritto alle tue discepole e ai tuoi discepoli, se abbiamo fatto violenza al regno dei cieli, cioè a te amore santo, e la tua parola è stata trasportata in otri assai vecchi e il tuo vino freschissimo e nuovo è stato mischiato a vini troppo vecchi e, ahimè!, anche a vini già diventati aceto e già morti?
Solo ascoltando e aprendo il nostro cuore a ogni frammento vivente della tua parola.




(Mt 28,16-20) 
"Gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato. 
Quando lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono. Gesù si avvicinò e disse loro: «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo."




Noi dubitiamo.
Ma non dubitiamo della tua divinità, della tua "onnipotenza", del tuo dominio reale sul mondo. Non dubitiamo di tutto che può essere reso metafisico e filosofico nella tua parola.
Dubitiamo, e fermamente, del tuo amore.
Perché il fatto che tu ci ami ci spiazza. Non ci fa stare bene.
Il fatto che tu ami il lebbroso più di Francesco, è ciò che spiazza Francesco e gli fa cambiare vita.
Il fatto che tu ami disperati che stanno morendo senza alcun aiuto e li ami più di Teresa, è ciò che smuove Teresa e le fa cambiare vita.
Il fatto che tu ami le persone che si amano senza tener conto delle loro reciproche identità sessuali e di genere, e le ami perché non fai conto di sesso e di identità, e le ami più di me che cerco la castità e la mia identità nel controllo severo di me stesso, è quello che mi sta facendo cambiare vita.




Dubitiamo del tuo amore.
Perché il tuo amore ci fa perdonare l'assassino, perché odiare l'assassino significa aggiungere male al mondo e se una persona ti ama non può aggiungere male al mondo. 
Può solo aiutarti a toglierne.




Allora quando tornerai per porre termine ai nostri tempi credi nei nostri dubbi e sappi, come sai nel tuo amore immenso e travolgente, sappi che ti amiamo, anche nel dubbio, anche nella lotta, anche nella dolcezza delle sensualità che ci hai regalato. Che ti amiamo sempre.
Perché il tuo amore, Gesù Sposo, ha gia vinto il mondo. 
E il mio piccolissimo cuore.




ciao r


Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

La parola e l'amore...