La tua carne - Una carne sola


Signore Genitore, Padre Madre, Eterno Bene, Santo Nome oggi la tua Parola è difficile ed aspra perché piena d'amore; così piena d'amore che subito ci viene spontaneo di spostarci per evitare di essere sommersi da questo tuo Oceano amante.
Ma a chi si fa sommergere regali il tuo Regno, a protezione e gioia di tutte le difficoltà, le asprezze, le felicità, le dolcezze che sono la vita e che vorresti accompagnare col tuo amore, ma non puoi senza la nostra stretta collaborazione e talvolta anche con questa collaborazione è impossibile evitare dolori e difficoltà; perché il nostro peccato d'orgoglio e idolatria contro di te ha tolto la natura ed il mondo dalla tua luce, e quindi viaggiamo nel buio e nell'arbitrio. Per questo dolori e durezze spesso arrivano senza poter essere fermate.
Ma da questo buio tuo Figlio ci ha salvato, e solo con 'solo amore'.




"In quel tempo, alcuni farisei si avvicinarono e, per metterlo alla prova, domandavano a Gesù se è lecito a un marito ripudiare la propria moglie. Ma egli rispose loro: «Che cosa vi ha ordinato Mosè?». Dissero: «Mosè ha permesso di scrivere un atto di ripudio e di ripudiarla». 
Gesù disse loro: «Per la durezza del vostro cuore egli scrisse per voi questa norma. Ma dall’inizio della creazione li fece maschio e femmina; per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una carne sola. Così non sono più due, ma una sola carne. Dunque l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto». 
A casa, i discepoli lo interrogavano di nuovo su questo argomento. E disse loro: «Chi ripudia la propria moglie e ne sposa un’altra, commette adulterio verso di lei; e se lei, ripudiato il marito, ne sposa un altro, commette adulterio».
Gli presentavano dei bambini perché li toccasse, ma i discepoli li rimproverarono. Gesù, al vedere questo, s’indignò e disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite: a chi è come loro infatti appartiene il regno di Dio. In verità io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come lo accoglie un bambino, non entrerà in esso». E, prendendoli tra le braccia, li benediceva, imponendo le mani su di loro." Mc 10, 2-16


Signore, oggi ci riempiamo le bocche, le mani e i corpi con la parola "libertà":
 ... 'devo essere libero!' ... 'mi devo liberare!' ... 'sarò libero soltanto se farò così' ... 'lottiamo per la libertà' ... ' la libertà non si regala' ... 'sono libero se nessuno mi cambia' ... 'sono libero se qualcuno mi cambia' ... ' non so cos'è la libertà, ma la voglio' ... 'che cos'è la libertà?'.




Già.
Che cos'è libertà, mio Dio?
Un terminale elettronico connesso in Rete? come questo che uso adesso?
Che cos'è libertà, mio Dio?
La possibilità di amare chi voglio e di non amare chi voglio?
Che cos'è libertà, mio Dio?
Poter cambiare l'uno nell'altro, 'liberamente', piacere ed amore?
Che cos'è libertà, mio Dio?
Un'automobile di lusso, una casa di lusso, ed il carnale piacere sessuale 'liberamente' a disposizione?
Che cos'è libertà, mio Dio?
Mangiare la parte di cibo di chi è affamato perché io ogni giorno mangio anche la parte che gli e le spetta?
Che cos'è libertà, mio Dio?
Fare come voglio fare? oggi stiamo insieme e domani ci lasciamo oppure ti butto fuori dalla mia vita?
Che cos'è libertà, mio Dio?
Fare un figlio o una figlia che non cresceranno come voglio io ed allora, chiusa la fase in cui sono "così carini", 'liberarmene' al più presto, oppure usarli come strumenti e mezzi del mio potere, del mio piacere, del mio divertimento?

Che cos'è la libertà, mio Dio?




"Dissero: «Mosè ha permesso di scrivere l'atto di ripudio e di ripudiarla»."

Che cos'è la libertà, mio Signore e mio Dio, scrivere un atto di ripudio e ripudiare chi ho sposato con tante speranze ed illusioni?

"Gesù disse loro: «Per la durezza del vostro cuore egli scrisse per voi questa norma. Ma dall’inizio della creazione li fece maschio e femmina; ...»."

Aiutaci, Signore Eterno, Immensa Libertà d'Amare.
Aiutaci a a capire che la sola libertà che abbiamo è quella di amare, fino a perdere la nostra vita per chi amiamo. La sola libertà che siamo è di essere "una sola carne" per farci liberi di amarci nell'amore e nel matrimonio eterossessuale, monogamo, fedele, fecondo; per farci essere quel che tu vuoi che siamo: "Dei, tutti figli dell'Altissimo" (salmo 81/82) anche se moriremo.
Perché se viviamo nell'amore moriremo nell'amore, nel rispetto e nell'onore di aver dato tutta la vita all'amore che ci circonda, di aver fatto nascere amore, quell'amore che tu porti con te, sulle onde del tuo Essere Oceano d'amore.
Ecco, mio Signore e mio Dio, questa esperienza d'amore è la sola libertà: farci una sola carne per essere il tuo solo amore: la tua immagine e somiglianza.

ciao r





Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

La parola e l'amore...