Il Re che vince quando perde


Il Regno povero ed il Re spezzato.


«È necessario che io annunci la buona notizia del regno di Dio anche alle altre città; per questo sono stato mandato». Lc 4, 43





Gesù, Gesù mio.
Tu, Pane spezzato per tutti, Parola che libera; Tu amore: io son tuo e tu sei mio, ma tu non sei "nostro". 
Così non possiamo trattenerti nella nostra città, per farti parte della nostra "civiltà", perché tu sei il pane spezzato che deve portare la bella notizia del regno di Dio anche "alle altre città". 
Tu sei il Re che è libertà e povertà ed insegni soltanto libertà e povertà. 
Sopratutto ci istruisci nella povertà verso e dentro il regno di Dio, verso e dentro di te che ci arricchisci di quel bene che subito perdiamo, perchè lo dobbiamo donare a chi non ne ha, perché non è nostro, ma è loro. Il Regno è proprietà di chi non crede nel Regno.





Tu, che di questo Regno sei il Re che si spezza per chi non crede in lui e per chi lo uccide. 
Tu ci insegni che rispetto al mondo abbiamo niente quando abbiamo te. 
Perché se abbiamo te, allora siamo il Dio sconosciuto e invisibile, siamo il Re che si spezza, siamo la ricchezza che si perde. Non siamo più "mondo", siamo il "regno di Dio".
Siamo Te, che ci fai amore.
ciao r



Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

Il perdono è di D**...