La domanda di Gesù e la vittoria di Dio

Mio bel Gesù, mio Re. La tua vittoria è così completa che ancora non ci crediamo.
Non del tutto, almeno.
E così tu non dici con quale autorità fai le cose che fai, a meno che noi non rispondiamo alla tua domanda: «Il battesimo di Giovanni da dove veniva? Dal cielo o dagli uomini?». (Mt 21, 25)
«Il battesimo di Oscar Romero da dove è venuto? Dal Cielo o dagli uomini?».
Tu vuoi che noi ci compromettiamo col Padre, "facciamo un promessa" insieme al Padre, prima di dirci che tu vieni dal Padre e sei tra di noi - hai messo la tua tenda tra di noi - proprio per aprirci ogni strada che porta al Padre.
Ma queste strade non le puoi aprire solo tu. Dobbiamo aprirle insieme.
Per questo dobbiamo riconoscere il battesimo di Giovanni.
E con lui tutti i "battesimi di acqua e pentimento" che tu ci mandi o che permetti per indurci all'attenzione verso la tua Parola che ci porta il Padre. Per insegnarci ad amare sino alla fine.
Per convertirci al Padre ed alla Sua vittoria in te.
Ma questa vittoria ha un sapore particolare, Amico mio, un sapore che mi hai fatto cercare in queste fotografie.







Noi continuiamo a produrre il nostro mondo dove lo spazio per te è ridotto, e continuiamo a confinarti nelle chiese, in immagini che, sempre ed ancora, ci raccontano come la bellezza che tu crei nasce solo dal sacrificio estremo di te, dal tuo amore portato "sino alla fine".
Solo la Croce, la tua e la nostra Croce mio Signore Gesù, produce la bellezza che salva il mondo.
Così tu continui a chiederci:«Il battesimo di Oscar Romero da dove è venuto? Dal Cielo o dagli uomini?».
Noi sappiamo che dalla nostra risposta dipende quanto riusciamo a conoscere ed a vivere della tua Parola e della tua offerta di farti "strade per il Padre".
Ma non osiamo risponderti perché abbiamo paura della verità o della folla.
Allora esitiamo e quindi non siamo capaci di "amare sino alla fine" come ci ami e ci hai amato tu.
Aiutaci ad essere il tuo amore, mio Re, ad essere soltanto il tuo amore e a farci capaci di regalarlo a tutti.
Sopratutto a chi non lo conosce e non lo merita.
Sempre "sino alla fine".

ciao
r

Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

La parola e l'amore...