11 novembre 2011, san Martino di Tours

"In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Come avvenne nei giorni di Noè, così sarà nei giorni del Figlio dell’uomo: mangiavano, bevevano, prendevano moglie, prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca e venne il diluvio e li fece morire tutti. 
Come avvenne anche nei giorni di Lot: mangiavano, bevevano, compravano, vendevano, piantavano, costruivano; ma, nel giorno in cui Lot uscì da Sòdoma, piovve fuoco e zolfo dal cielo e li fece morire tutti. Così accadrà nel giorno in cui il Figlio dell’uomo si manifesterà. 
In quel giorno, chi si troverà sulla terrazza e avrà lasciato le sue cose in casa, non scenda a prenderle; così, chi si troverà nel campo, non torni indietro. Ricordatevi della moglie di Lot. 
Chi cercherà di salvare la propria vita, la perderà; ma chi la perderà, la manterrà viva. 
Io vi dico: in quella notte, due si troveranno nello stesso letto: l’uno verrà portato via e l’altro lasciato; due donne staranno a macinare nello stesso luogo: l’una verrà portata via e l’altra lasciata». 
Allora gli chiesero: «Dove, Signore?». Ed egli disse loro: «Dove sarà il cadavere, lì si raduneranno insieme anche gli avvoltoi»." (Lc 17,26-37) 




















«Chi cercherà di salvare la propria vita, la perderà; ma chi la perderà, la manterrà viva».




Mio Signore Gesù, mio Re.
So che tu mi ami e vuoi la mia felicità.
Allora, mio Re, la preghiera di oggi è molto semplice.
Aiutami a perdere la vita dietro e dentro la tua, dietro e dentro le persone in difficoltà e ferite. 
Aiutaci tutte e tutti ad amare fino a perdere totalmente la nostra vita dietro e dentro la tua.
A favore delle vedove e degli orfani di oggi e contro tutti i principi di questo mondo, sopratutto se travestiti da cristiani, aiutaci a perdere la nostra vita nel tuo amore.
Aiutaci, Signore Gesù, a vivere soltanto di te.




ciao

Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

Il perdono è di D**...