24 settembre 2011, sabato della XXV settimana del tempo ordinario

"In quel giorno, mentre tutti erano ammirati di tutte le cose che faceva, Gesù disse ai suoi discepoli: «Mettetevi bene in mente queste parole: il Figlio dell’uomo sta per essere consegnato nelle mani degli uomini». 
Essi però non capivano queste parole: restavano per loro così misteriose che non ne coglievano il senso, e avevano timore di interrogarlo su questo argomento."  (Lc 9,43-45) 














"Essi però non capivano queste parole: restavano per loro così misteriose che non ne coglievano il senso, e avevano timore di interrogarlo su questo argomento."


Signore, non è che oggi siamo molto più liberi, non è che abbiamo capito molto di più.
Signore Gesù, certo, lo abbiamo accettato e lo diciamo pure spesso.
Dio è morto, Dio s'è fatto uccidere da noi, s'è fatto fare morte per noi, perché noi non avessimo più morte e male.
Lo diciamo così spesso che, spesso, ne abbiamo perduto il senso.
Invece no.
Ti sei consegnato nelle mani degli umani. Ti sei fatto uccidere dagli umani, perché noi umani vedendo l'amore e sentendo l'amore, venendo coinvolti dal tuo amore incomprensibile, finalmente amassimo.
Ecco, mio buon Gesù, Sposo, questo è vero.
Abbiamo accettato il tuo Amore Dio e stiamo imparando ad amare.,
Ma quanto ci mettiamo mio Re! e quanto è semplice imitare il tuo esempio, seguendo la tua vita, lasciandoci fare libertà da te, Gesù Re Amante.
Solo così, mio Amore, solo così, amando come te, riusciamo a capire quell'impossibile cuore d'amore, quell'immenso amore dono, quell'amore che ama coloro che non amano.
Riusciamo a capirlo perché solo amandoti riusciamo a farti entrare ed a farti lavorare sul nostro cuore, fino a che tu non lo trasformi in un cuore di carne.
Allora, di colpo, vediamo tutto il male e ci accorgiamo di quanto siamo noi, il male. Vediamo il tuo amore che ci cura e ci salva, solo per amore.
E le lacrime scoppiano nel nostro cuore e tu vinci.
Così la nostra comprensione di te è solo nell'amore per te.
Solo nell'amore indiscriminato per i fratelli e le sorelle.
Ma solo tu, Amore, ci fai amore e solo lasciandoci fare amore da te, possiamo conoscerti.
Gesù Sposo, mio Re.


ciao
r



Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

Il perdono è di D**...