14 settembre 2011, esaltazione della Santa Croce

"In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: 
«Nessuno è mai salito al cielo, se non colui che è disceso dal cielo, il Figlio dell’uomo. E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna.
Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. 
Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui»." (Gv 3,13-17) 



















«Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. 
Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui».






Gesù, Sposo, non è semplice farti una fotografia.
Lo vedi, Amico, ci sto provando ma non ci riesco mai bene, cercandoti qui dove vivo, senza frugare nei posti e nei luoghi dove "io" immagino che tu stia di più.


Allo stesso modo, mio Re, non è semplice esaltare la tua Croce.
Perché non è mai possibile esaltare un patibolo. Come si fa?
Un patibolo è un patibolo, una cosa spaventosa, orrenda, il luogo dove l'umano viene trasmutato in sofferenza ed in odio. Solo sofferenza e odio.


Poi sei arrivato tu, sulla tua Croce, Santa.


Lo vedi, mio Re, non è per niente facile farti una fotografia, ma ci sto provando, a frugare qui attorno a me, per vedere se scorgo una traccia ed un seme della Bellezza, dello Splendore di Bellezza che noi abbiamo appeso a quella Croce, diventata Santa perché tu eri lì, appeso alla sofferenza che trasforma. 
Quella sofferenza che tu, mio Signore e mio Dio, hai trasformato in Amore e Bellezza che redime. 
Perché tu ami il mondo così tanto ...


Vedrai, Gesù Sposo, una foto piccolina riesco a fartela. Piccola, un poco mossa, nulla di ché, ma una foto tua. 
Una visione della Bellezza che mi e ci redime.




ciao
r


Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

La parola e l'amore...