07 agosto 2011, XIX domenica del tempo ordinario (anno A)

"Subito Gesù costrinse i discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull’altra riva, finché non avesse congedato la folla. Congedata la folla, salì sul monte, in disparte, a pregare. Venuta la sera, egli se ne stava lassù, da solo.
La barca intanto distava già molte miglia da terra ed era agitata dalle onde: il vento infatti era contrario. Sul finire della notte egli andò verso di loro camminando sul mare. Vedendolo camminare sul mare, i discepoli furono sconvolti e dissero: «È un fantasma!» e gridarono dalla paura. Ma subito Gesù parlò loro dicendo: «Coraggio, sono io, non abbiate paura!». 
Pietro allora gli rispose: «Signore, se sei tu, comandami di venire verso di te sulle acque». Ed egli disse: «Vieni!». Pietro scese dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù. Ma, vedendo che il vento era forte, s’impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: «Signore, salvami!». E subito Gesù tese la mano, lo afferrò e gli disse: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?». 
Appena saliti sulla barca, il vento cessò. Quelli che erano sulla barca si prostrarono davanti a lui, dicendo: «Davvero tu sei Figlio di Dio!»." (Mt 14,22-33)
















"Pietro scese dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù. Ma, vedendo che il vento era forte, s’impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: «Signore, salvami!». E subito Gesù tese la mano, lo afferrò e gli disse: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?»."




Ebbene sì, mio Re, fai bene a chiedercelo: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?» 
Ma tu lo vedi, amico mio.
La luce ci abbaglia. Il buio ci acceca. I fantasmi ci spaventano. Gli idoli ci affascinano.
I pesi ci stancano.
Mio Re.
Abbiamo bisogno di tutta la tua fede in Dio Padre Madre, in Dio Amore. 
Abbiamo bisogno di tutto questo tuo amore che ti ha condotto senza incertezze a dare la tua vita per me, per questo misero poco che non ti ama.
Abbiamo bisogno della tua mano che ci salva, e della tua voce che ci rimprovera di essere più fede. 
Fede di essere quell'amore che si perde, sicuro che la Fonte Unica dell'Amore lo riempirà sempre di altro amore. 
Più diamo amore e più siamo ricchi di Amore. E solo questo è Dio.
Tuo Padre Madre, che tu ami e ti ama.

Solo questa è la tua Nuova Alleanza.


ciao
r

Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

Il perdono è di D**...