6 giugno 2011, lunedì della 7° settimana di Pasqua

"In quel tempo, dissero i discepoli a Gesù: «Ecco, ora parli apertamente e non più in modo velato. Ora sappiamo che tu sai tutto e non hai bisogno che alcuno t’interroghi. Per questo crediamo che sei uscito da Dio».
Rispose loro Gesù: «Adesso credete? Ecco, viene l’ora, anzi è già venuta, in cui vi disperderete ciascuno per conto suo e mi lascerete solo; ma io non sono solo, perché il Padre è con me. Vi ho detto questo perché abbiate pace in me. Nel mondo avete tribolazioni, ma abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!»" (Gv 16,29-33)











«Vi ho detto questo perché abbiate pace in me. Nel mondo avete tribolazioni, ma abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!».



Noi viviamo disordinatamente e ci creiamo più problemi di quelli che siamo in gradi di affrontare da soli. Allora ti cerchiamo per risolvere i nostri problemi, per scaricare su di te le nostre fatiche. E tu sei contento, se te lo chiedessi con fede da bambino.
Invece siamo affannati di vita e non riusciamo ad abbandonarci a te ed al tuo amore.
Signore Gesù, aiutaci a stare nel tuo amore, aiutaci a essere, con certezza e serenità, certi e felici che tu hai vinto il mondo, cioè hai vinto il male che noi stessi produciamo e l'hai vinto per darci la vita e la pace, e darcele in abbondanza.
Che tu sia benedetto, mio Re, che tu sia benedetto.


ciao
r

Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

La parola e l'amore...