Sabato 23 aprile 2011, Sabato del Sepolcro

Oggi non c'è Parola. Oggi c'è attesa.
Oggi è sabato, non si può andare da nessuna parte, non si può fare alcun lavoro, non si può piangere.
Oggi è sabath, dobbiamo onorare Dio.
Oggi il suo sepolcro è solo ed io vorrei essere lì. Vorrei essere dentro il sepolcro a curare quel corpo martoriato, a lavarlo fino a farlo ritornare bello e pulito, per consegnarlo alla corruzione ed al disfacimento in tutta la sua bellezza.
Ma oggi non si può, oggi è sabato.
Oggi bisogna piangere in silenzio e tacere, aspettando domani, perché domani, finalmente, lo vedrò.

ciao
r





Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

La parola e l'amore...