29 aprile 2011, venerdì fra l'Ottava di Pasqua

"In quel tempo, Gesù si manifestò di nuovo ai discepoli sul mare di Tiberìade. E si manifestò così: si trovavano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Dìdimo, Natanaèle di Cana di Galilea, i figli di Zebedèo e altri due discepoli. Disse loro Simon Pietro: «Io vado a pescare». Gli dissero: «Veniamo anche noi con te». Allora uscirono e salirono sulla barca; ma quella notte non presero nulla.
Quando già era l’alba, Gesù stette sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. Gesù disse loro: «Figlioli, non avete nulla da mangiare?». Gli risposero: «No». Allora egli disse loro: «Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete». La gettarono e non riuscivano più a tirarla su per la grande quantità di pesci. Allora quel discepolo che Gesù amava disse a Pietro: «È il Signore!». Simon Pietro, appena udì che era il Signore, si strinse la veste attorno ai fianchi, perché era svestito, e si gettò in mare. Gli altri discepoli invece vennero con la barca, trascinando la rete piena di pesci: non erano infatti lontani da terra se non un centinaio di metri.
Appena scesi a terra, videro un fuoco di brace con del pesce sopra, e del pane. Disse loro Gesù: «Portate un po’ del pesce che avete preso ora». Allora Simon Pietro salì nella barca e trasse a terra la rete piena di centocinquantatré grossi pesci. E benché fossero tanti, la rete non si spezzò. Gesù disse loro: «Venite a mangiare». E nessuno dei discepoli osava domandargli: «Chi sei?», perché sapevano bene che era il Signore. Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede loro, e così pure il pesce. Era la terza volta che Gesù si manifestava ai discepoli, dopo essere risorto dai morti".  (Gv 21,1-14) 
















"Gesù disse loro: «Venite a mangiare»."




Ecco. 
Tu non guardi se le nostre case sono vecchie e buie, non badi se le nostre simmetrie sono falsate da visitatori importuni, non stai a discutere se ci nascondiamo agli sguardi e ci facciamo ombra con i riflessi del tuo sole.
Tu vieni e ci guidi all'amore, a raccogliere sempre più amore, a fare straordinarie raccolte d'amore
Poi, dopo che tu hai fatto il grosso del lavoro, ci inviti a sederci a tavola con te, per rallegrarci della tua compagnia. 
Ed allora spezzi per noi il cibo che tu ci hai procurato, che tu ci hai cucinato, questo cibo che tu ci porgi.
Signore Gesù. 
Aiutaci ad amarci proprio così, come ci ami tu.




ciao
r

Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

Il perdono è di D**...