13 aprile 2011, mercoledì della 5° settimana di Quaresima

"In quel tempo, Gesù disse a quei Giudei che gli avevano creduto: «Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi». Gli risposero: «Noi siamo discendenti di Abramo e non siamo mai stati schiavi di nessuno. Come puoi dire: “Diventerete liberi”?».
Gesù rispose loro: «In verità, in verità io vi dico: chiunque commette il peccato è schiavo del peccato. Ora, lo schiavo non resta per sempre nella casa; il figlio vi resta per sempre. Se dunque il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero. So che siete discendenti di Abramo. Ma intanto cercate di uccidermi perché la mia parola non trova accoglienza in voi. Io dico quello che ho visto presso il Padre; anche voi dunque fate quello che avete ascoltato dal padre vostro».
Gli risposero: «Il padre nostro è Abramo». Disse loro Gesù: «Se foste figli di Abramo, fareste le opere di Abramo. Ora invece voi cercate di uccidere me, un uomo che vi ha detto la verità udita da Dio. Questo, Abramo non l’ha fatto. Voi fate le opere del padre vostro».
Gli risposero allora: «Noi non siamo nati da prostituzione; abbiamo un solo padre: Dio!». Disse loro Gesù: «Se Dio fosse vostro padre, mi amereste, perché da Dio sono uscito e vengo; non sono venuto da me stesso, ma lui mi ha mandato»." (Gv 8,31-42)











«Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi».



La nostra vita in te è la tua vita in noi. Conoscere la tua parola e seguirla sono la stessa cosa, anche se noi siamo cattivi e ci rotoliamo nel nostro fango molto più spesso di quanto abbiamo voglia di ammettere.
Conosco la verità ma, troppo spesso, non la pratico perché per praticarla con l'amore che mi chiedi devo essere libero, e non è "comodo" essere liberi. Molto più comodo, nell'immediato, essere schiavi del peccato.
Stare tra mura urbane, stare negli spazi sporchi dei nostri palazzi. Oppure fiorire nella tua libertà che diventa nostra.
Aiutaci a diventare liberi dentro la tua bellezza e dentro il tuo amore, mio Re.
ciao
r

Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

La parola e l'amore...