21 marzo 2011, lunedì della 2° settimana di Quaresima

"In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso.
Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati.
Date e vi sarà dato: una misura buona, pigiata, colma e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi in cambio»." (Lc 6,36-38)










«Date e vi sarà dato: una misura buona, pigiata, colma e traboccante vi sarà versata nel grembo»



"Versata nel grembo", come a donne.
Per questo le fotografie oggi sono femminili.
Alcuni filari di roba stesa a scaldarsi al sole, dono femminile alle proprie famiglie.
Una pianta che è viva in aspri contesti urbani, attesa di un nuovo fiorire, dono femminile della vita alla vita, nostra compagna e madre.
Due ragazze camminano in città, un gioco per godersi i propri corpi negli sprazzi di vita che siamo in corse veloci tra le cose, dono di donne a se stesse.
Doni che nascono dall'unico dono che siamo e che ci fa vita. Il tuo dono di te a noi.
Il dono di Dio a noi. Tu Dio che doni te stesso Dio all'umano, per amore.
ciao
r

Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

Il perdono è di D**...