01 marzo 2011, martedì della 8° settimana del tempo ordinario (anno dispari)

"In quel tempo, Pietro prese a dire a Gesù: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito».
Gesù gli rispose: «In verità io vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi per causa mia e per causa del Vangelo, che non riceva già ora, in questo tempo, cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e la vita eterna nel tempo che verrà. Molti dei primi saranno ultimi e gli ultimi saranno primi»." (Mc 10,28-31)











«Molti dei primi saranno ultimi e gli ultimi saranno primi»


Sai quanto è difficile capire se ci stiamo muovendo bene, se stiamo camminando sulla tua strada.
Un gioco improvviso, andare da qualche parte, le forme dolci di un fico.
Cosa dobbiamo lasciare, mio Re, per seguirti?
Cosa dobbiamo abbandonare, per avere in cambio la bellezza di "persecuzioni ed il tuo amore"?
Dove è la crescita vera della nostra vita?

Signore Gesù, facci essere ultimi in questa vita, ti preghiamo, ultimi come te sulla Croce.

ciao
r

Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

Il perdono è di D**...