25 febbraio 2011, venerd' della 7° settimana del tempo ordinario (anno dispari)

"In quel tempo, Gesù, partito da Cafàrnao, venne nella regione della Giudea e al di là del fiume Giordano. La folla accorse di nuovo a lui e di nuovo egli insegnava loro, come era solito fare.
Alcuni farisei si avvicinarono e, per metterlo alla prova, domandavano a Gesù se è lecito a un marito ripudiare la propria moglie. Ma egli rispose loro: «Che cosa vi ha ordinato Mosè?». Dissero: «Mosè ha permesso di scrivere un atto di ripudio e di ripudiarla».
Gesù disse loro: «Per la durezza del vostro cuore egli scrisse per voi questa norma. Ma dall’inizio della creazione li fece maschio e femmina; per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una carne sola. Così non sono più due, ma una sola carne. Dunque l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto».
A casa, i discepoli lo interrogavano di nuovo su questo argomento. E disse loro: «Chi ripudia la propria moglie e ne sposa un’altra, commette adulterio verso di lei; e se lei, ripudiato il marito, ne sposa un altro, commette adulterio»." (Mc 10,1-12)










«Per la durezza del vostro cuore egli scrisse per voi questa norma. Ma dall’inizio della creazione li fece maschio e femmina; per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una carne sola. Così non sono più due, ma una sola carne. Dunque l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto»


Allontanarsi l'una dall'altro, indifferenti, come fatti di specie diverse.
Avere sguardi da cartolina, immersi in una luce di stampa.
Camminare sotto il tuo sole, senza mai ringraziarti per il calore e l'amore.
Perdona la durezza del nostro cuore, mio Re.
Perdona se non abbiamo sempre il cuore di carne che tu ci hai dato, ma spesso torniamo ad usare il vecchio cuore di pietra, perché fa così comodo al nostro egoismo.
Tu ci ami con fedeltà totale, non ci abbandoni mai e comprendi ciascuna nostra durezza. Noi ti restituiamo la nostra indifferenza l'un l'altra.
Gesù, aiutaci ad amarci come tu ci ami.

ciao
r

Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

La parola e l'amore...