5 gennaio 2011, feria propria del giorno

"In quel tempo, Gesù volle partire per la Galilea; trovò Filippo e gli disse: «Seguimi!». Filippo era di Betsàida, la città di Andrea e di Pietro.
Filippo trovò Natanaèle e gli disse: «Abbiamo trovato colui del quale hanno scritto Mosè, nella Legge, e i Profeti: Gesù, il figlio di Giuseppe, di Nàzaret». Natanaèle gli disse: «Da Nàzaret può venire qualcosa di buono?». Filippo gli rispose: «Vieni e vedi».
Gesù intanto, visto Natanaèle che gli veniva incontro, disse di lui: «Ecco davvero un Israelita in cui non c’è falsità». Natanaèle gli domandò: «Come mi conosci?». Gli rispose Gesù: «Prima che Filippo ti chiamasse, io ti ho visto quando eri sotto l’albero di fichi». Gli replicò Natanaèle: «Rabbì, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d’Israele!». Gli rispose Gesù: «Perché ti ho detto che ti avevo visto sotto l’albero di fichi, tu credi? Vedrai cose più grandi di queste!».
Poi gli disse: «In verità, in verità io vi dico: vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sopra il Figlio dell’uomo»." (Gv.1,43-51)





















«In verità, in verità io vi dico: vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sopra il Figlio dell’uomo».


Che cosa si può fare, per vederti? 
Per vedere Te, Gesù, Strada che lega e mette in relazione insieme la Casa di Dio e la Terra dell'umano. 
Dov'è che possiamo vederti agire, oggi? 
Tu, Gesù, che sei Amore che unisce l'Amore Eterno, che è Bene che cerca e desidera amicizia collaborazione libertà, con la creatura orgogliosa della stupidità del suo peccato di male: la sua scelta di decidere del bene e del male di tutti e, sopratutto, degli altri indifesi in perfetta solitudine e superbia. 
Dove cercare oggi la vista della tua Strada che si allarga e cresce in noi?
In un'alba che affaccia ogni giorno di luce?
In simmetrie e dissimetrie urbane, che s'affacciano come scampoli, non voluti e non pensati, di una bellezza che non ci appartiene?
In una attesa, decisa dai tempi di scatole elettriche, ma dove la pazienza spesso si tinge del profumo della pazienza e dell'amicizia?
Dove averti, mio Re, oltre che nel mio cuore?
ciao
r



Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

Il perdono è di D**...