4 gennaio 2011, feria propria del giorno

"In quel tempo, Giovanni stava con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù.
Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?». Gli risposero: «Rabbì – che, tradotto, significa maestro –, dove dimori?». Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio.
Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» – che si traduce Cristo – e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa» – che significa Pietro." (Gv.1,35-42 )












"Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio."


Quale grande innamoramento ebbe Giovanni per te, Rabbì della Galilea. 
A distanza di circa sessant'anni sempre ricordava che erano circa le quattro del pomeriggio, circa l'ora decima, e ci teneva a scriverlo.
Oggi, le nostre città polverose permettono sempre un simile attestato d'amore? Le nostre metropoli, così piene di dimore e abitazioni, dove possiedono la casa dell'innamoramento totale e radicale per te,  Amore vivente? 
Per te, amore che non ti proclami, non ti manifesti nella forza stupefacente del tuo potere, non ti imponi con lo stupore delle tue magnificenze, ma soltanto ci dici, quasi sottovoce, "Venite e vedrete".
E noi andiamo. 
Così anche oggi , pure se sembra difficile trovare la tua casa, mio Rabbì, la troveremo lo stesso perché tu ci guidi fino ad essa, fino alla soglia del tuo amore che ci coinvolge e ci trasforma in amore. 
Tu trasformi pure noi in amore, noi che senza di te siamo soltanto odio.
E così, pure a distanza di tutta la nostra vita, ricorderemo il momento del tuo incontro, e lo ricorderemo così volentieri da volerlo sottolineare.
Erano circa le due del mattino.
ciao
r

Commenti

Post popolari in questo blog

Magnanimità e speranza: Gesù

Lazzaro e noi; la metafora...

La parola e l'amore...